Category: PNL e Dintorni

Corso per Fisioterapisti Manager

image

Fisioterapista Manager

Ci occupiamo di start up di centri di fisioterapia e affianchiamo imprenditori e colleghi nella pianificazione di tutte le attività di sviluppo e lancio della loro attività.
Molti colleghi che hanno già uno studio ci chiedono spesso come poter ottimizzare le attività professionali e dare valore agli investimenti fatti in nuove tecnologie e in corsi che vanno dall’osteopatia, alla terapia manuale.
Dare valore è il nostro mestiere e così abbiamo creato questa nuova opportunità di formazione per il mondo della fisioterapia.
Un format unico nel suo genere per tutti coloro amano crescere e migliorarsi affrontando nuove sfide. Nell’ultimo anno più di 150 fisioterapisti hanno partecipato ai nostri corsi di PNL per operatori sanitari.
Dare valore significa saper comunicare in modo efficace la propria professionalità e competenza.
Marketing e comunicazione efficace in ambito sanitario sono una risposta diretta al bisogno di far sapere ai pazienti e ai medici il valore delle nostre prestazioni e la passione che mettiamo in quello che facciamo nei nostri studi.
Tutte le iniziative online e offline necessitano di un’attenta pianificazione.
Vi daremo i migliori strumenti per rendere le vostre campagne precise ed efficaci ma questo potrebbe non bastare se quello che proponete non è unico, esclusivo e soprattutto personalizzato.
I servizi erogati devono distinguersi da quelli della concorrenza altrimenti il prezzo diventa l’unico elemento di scelta da parte del paziente.
La creatività è una risorsa spesso ignorata in ambito sanitario e, a volte, basta unire due tecniche riabilitative con un nuovo nome per creare un nuovo servizio.
In altri casi è necessario fare delle indagini di mercato per capire se e come, una prestazione riabilitativa può penetrare il mercato.
Altre volte invece, il modello di business che abbiamo creato non è funzionale alle caratteristiche strutturali dello studio e non enfatizza le competenze professionali.
Il corso Fisioterapista Manager fornisce strumenti tecnici e risposte pratiche per rendere più competitivi e ridurre i rischi d’impresa dei centri di fisioterapia.
Gli argomenti trattati vengono dall’esperienza diretta di chi già lo ha fatto, con oltre 10 anni di gestione di centri di fisioterapia, con l’integrazione di tecniche di marketing, management e comunicazione riconosciute a livello mondiale e applicate al settore della fisioterapia.
La nostra promessa è di impegnarci al massimo per trasmettere con efficacia e metodo tutte le competenze che renderanno straordinario il vostro centro di fisioterapia
Vogliamo creare per voi e per il vostro studio un vero
VANTAGGIO COMPETITIVO!

Contattaci in privato per ulteriori info e curiosità—-> Giuliano & Luca

È tutta una questione di curve

Quando ho iniziato a fare il fisioterapista come spesso succede ho iniziato a frequentare diversi corsi di perfezionamento in terapia manuale. Ho iniziato con il metodo Mc Kenzie, da molti soprannominato l’arte di guarire senza mani, in seguito ho frequentato il corso Mulligan, con le sue tecniche miracolose. Successivamente ho seguito il corso di terapia manuale secondo Bienfait ovvero una versione dell’osteopatia che prevede l’utilizzo di tecniche delicate per la normalizzazione e infine sono approdato al mitico Maitland, una vera pietra miliare di ben 11 settimane che, seguendo parte degli gli standard formativi IFOMT, mi ha reso un terapista manuale piuttosto completo. Man mano che proseguivo nella mia formazione mi accorgevo di una spiacevole realtà ovvero che, nonostante frequentassi corsi di crescente spessore, validità scientifica e costo, la percentuale di pazienti che riuscivo a trattare con il nuovo know how aumentava relativamente di poco, avevo raggiunto l’asintoto come direbbero i matematici, ero per cosi dire arrivato alla saturazione.Ma come mi chiedevo frequento corsi sempre più costosi, più validati scientificamente e la mia efficacia di terapista cambia di così poco? Efficacia del terapistaEbbene si! Come dico nel titolo è tutta una questione di curve come quella che Numero di corsi o di mezzi fisicirappresento qui sotto.

Aumentando il numero di corsi fatti nella stessa direzione dopo un po il risultato cambia di poco. Lo stesso discorso vale per i mezzi fisici che arricchiscono i nostri trattamenti. Che svolta ci ha fatto fare la Tecar (o il primo mezzo fisico acquistato)? Quanti pazienti siamo riusciti a risolvere con successo laddove con il solo fare manuale non eravamo arrivati? Poi abbiamo acquistato il secondo, il terzo mezzo fisico e così via ci siamo trovati nella stessa condizione in cui mi trovai frequentando corsi di terapia manuale. Per questo ad un certo punto della mia crescita professionale ho iniziato ad investire il mio tempo e le mie risorse su un altro ambito ovvero quello della comunicazione ed in particolare sulla PNL anche perché l’ambito della terapia manuale era giunto ad un livello di saturazione così come quello dei mezzi fisici. .È stato un po come fare il cross training. Cosa centra lo sport vi chiederete. Ve lo spiego subito. L’allenamento incrociato o “cross-training” è quella tecnica d’allenamento che permette, attraverso la pratica di diverse discipline sportive, anche in contrasto fra loro, d’incrementare il livello performante o di fitness di partenza.

L’idea di base nasce dagli albori del triathlon, quando atleti impegnati nelle tre attività dimostravano di poter ottenere prestazioni elevate nelle singole discipline. Si iniziò a studiare come un allenamento basato su un gesto atletico (per esempio la corsa) potesse migliorare le prestazioni in una disciplina differente (per esempio il nuoto). Ecco perché ritengo che fare qualche cosa di diverso, come ad esempio un corso di comunicazione, oggi più che mai mi sembra l’unica cosa saggia per crescere e essere diversi. Dieci anni fa quando dicevi che nel tuo studio avevi una tecar venivi visto come un pioniere mentre oggi sei uno dei tanti, oggi per essere pioniere devi fare veramente qualche cosa di diverso.

Einstein diceva che solo i matti fanno le stesse cose aspettandosi risultati diversi. E tu sei soddisfatto dei tuoi risultati o vuoi ottenere di più? E cosa hai deciso di fare di diverso per ottenerlo?Siamo nel mezzo di questa maledetta crisi e nessuno a certezze sul futuro. L’unica certezza è che l’immobilità non paga e che per raggiungere i nostri obiettivi dobbiamo darci da fare.
Giuliano Mari

PNL e Fisioterapia

Tra le numerose applicazioni della PNL la salute è una delle più affascinanti e importanti. La scienza ha ormai dimostrato in più studi quanto il rapporto tra  l’operatore del benessere e il paziente faccia la differenza.

 

Questa alleanza terapeutica è basata sul rapporto di fiducia che nasce sia dalla autorevolezza sia dalla capacità comunicativa del professionista. Cosa fa sì che ci si fidi di qualcuno? È solo la competenza o ci sono altri ingredienti meno quantificabili come il rapporto umano, la capacità di ascolto e di empatia? I ricercatori in PNL, sia per interesse personale sia per interesse scientifico, hanno studiato negli anni cosa fa la differenza.

 

Il risultato sono i nostri corsi, disegnati appositamente per chi opera nel settore della salute. Il tutto con la garanzia di chi ha utilizzato con successo ogni metodica, tecnica e sistema che viene insegnato. Ecco i due corsi di Programmazione Neuro-Linguistica specifici per gli operatori sanitari.

 

Un corso introduttivo di due giorni, “Basi di PNL per Operatori della Salute“, per chi vuole avere una base. E il corso con Certificazione internazionale della “Society of NLP”, “Extraordinary® NLP Health Practitioner“, della durata di sei giorni (i due giorni del corso base più 4 rivolti al conseguimento del livello di Practitioner in PNL), per chi vuole avere subito tutti gli strumenti.

 

Basi di PNL per Operatori della Salute è il corso introduttivo specifico per professionisti della salute, per imparare le basi della Programmazione Neuro-Linguistica applicata alla comunicazione con te stesso e con i pazienti, e i diversi componenti dell’equipe riabilitativa. Cosa rende alcuni professionisti più efficaci di altri?  La PNL ha trovato le rispose a questa domanda.

 

In questi due giorni coinvolgenti imparerai a:

Incrementare l’efficacia della tua comunicazione quando interagisci con gli altri.

Gestire meglio il tuo stato psico-fisico, per essere sempre al meglio.

Aiutare i tuoi pazienti ad avere più benessere con le tecniche di Programmazione Neuro-Linguistica.

Saper entrare nello stato che desideri e/o mitigare stati negativi. Entrare velocemente in sintonia con le altre persone.

Motivarsi e motivare meglio.

Utilizzare la PNL nel self marketing per essere più incisivo nella tua comunicazione a tutto campo.

Analizzare un progetto partendo da Vision e Mission personale.

Utilizzare i concetti fondamentali del personal

Golf e riabilitazione, si riparte dallo “STATO”

Uno swing straordinario è un insieme di tecnica, controllo motorio e consapevolezza mentale. Con la pratica e l’allenamento si migliorano i primi due aspetti per il terzo le cose cambiano un pó. Nella pratica i maestri ci trasmettono con passione tutto quello che pensano di sapere ma questo potrebbe non bastare. Ho detto pensano perché tutti noi adottiamo, nella vita come nello sport, strategie vincenti in modo inconsapevole.

Ad esempio nel nostro miglior colpo, oltre al gesto tecnico, si producono delle  sequenze mentali specifiche ma inconsapevoli che ci mettono in condizione di eccellere in una specifica circostanza. Ma quali sono queste sequenze mentali? Come si allenano e soprattutto sono uguali per tutti? A volte si usa l’espressione “è in uno STATO di grazia” per definire un’ atleta particolarmente ispirato in quella giornata.  STATO è la parola chiave e attraverso la sua conoscenza possiamo migliorare le nostre performance.

Lo STATO è quella condizione psico-fisica con cui affrontiamo una specifica situazione. Esistono stati potenzianti che ottimizzano la performance ma anche quelli depotenzianti da cui dobbiamo sottrarci.  Lo STATO è la risultante analitica (espressa con un’emozione) tra quello a cui si sta pensando (il focus), la qualità dei vocaboli che usiamo in quel momento (linguaggio interiore) e la postura del nostro corpo durante queste attività mentali (fisiologia).

Esistono stati produttivi e stati improduttivi. È con i primi che risolviamo i problemi che la vita ci sottopone e otteniamo ciò che vogliamo.  Tutti gli elementi che determinano la qualità del nostro STATO possono essere gestiti da tutti attraverso l’utilizzo di tecniche specifiche ed un allenamento mentale dedicato.  Tutti i migliori atleti già lo sanno:  Un riabilitatore mental trainer facilità il recupero e aumenta le performance sportive!

Comunicare per riabilitare

Durante un trattamento riabilitativo si crea un rapporto esclusivo con ogni paziente. Ci si scambiano valutazioni sul benessere fisico, attuale e futuro ma anche emozioni e sensazioni legate ad un particolare stato emotivo, alla patologia ed al particolare momento di vita che si sta attraversando.

Il fisioterapista evoluto deve poter fornire strumenti ed estrarre risorse che il paziente può utilizzare per migliorare il suo stato. Lo stato è la risultante analitica (espressa con un’emozione) tra quello a cui si sta pensando (il focus), la qualità dei vocaboli che siamo in quel momento (linguaggio interiore) e la postura del nostro corpo durante queste attività mentali (fisiologia). Esistono stati produttivi e stati improduttivi.

È con i primi che risolviamo i problemi che la vita ci sottopone e possiamo ottenere ciò che più ci interessa. È fondamentale durante un percorso riabilitativo lavorare in uno stato produttivo, che permetta alla biologia del corpo di intervenire positivamente sul processo di recupero.

Studi autorevoli lo dimostrano, e l’esperienza decennale a contatto coi pazienti lo confermano: esiste una PROPENSIONE ALLA GUARIGIONE! Ho frequentato corsi di ogni tipo in ambito fisioterapico, ma oltre agli aspetti tecnici, sicuramente importanti, non ho trovato la chiave che mi permettesse di entrare nella stanza più misteriosa dell’uomo, quella della mente in relazione alla percezione della malattia e del dolore.

Poi nel 2008 per caso, grazie a mia moglie ho scoperto la PNL (programmazione neuro linguistica), una neuroscienza nata negli anni ’70 con infiniti campi di applicazione, che mi ha permesso di evolvermi come persona e di migliorare la qualità della mia vita e del mio lavoro. Un “Coach”, come si definisce in PNL, è colui che con specifiche tecniche riesce ad essere “allenatore della mente”. Si può allenare un muscolo, migliorare un movimento o un gesto atletico, e allo stesso modo si possono migliorare le performance della nostra mente, dall’essere più produttivi e motivati al saper meglio gestire le proprie emozioni.

Il fisioterapista del domani dovrà acquisire queste competenze per poter gestire meglio sé stesso e di conseguenza tutti gli aspetti emozionali del proprio paziente per poter indurre la PROPENSIONE ALLA GUARIGIONE.

 

[divider top=”1″]